Gruppo SEAC

Da SEAC Cefor il convegno sulla parità di genere e le opportunità di business per le imprese

Prodotti
Seminario parità di genere

Nel convegno di SEAC Cefor, l’analisi della certificazione PDR 125

La parità di genere non è solo una misura di equità ma anche un grande volano per lo sviluppo delle imprese: per questo, molte aziende si stanno attivando per ottenerne la certificazione. Questo è stato il tema del convegno organizzato da SEAC Cefor, in partnership con Confcommercio-Imprese per l’Italia ed UNITER: “Queste opportunità non hanno a che fare solo con diritti e giustizia sociale ma sono elementi indispensabili per le aziende per la produttività – ha chiarito la Direttrice di SEAC Cefor Lisa Lancorai e la formazione è il passaggio chiave per attivare un percorso di cambiamento”. L’assessora alle pari opportunità e Vice Presidente della Provincia Autonoma di Trento Francesca Gerosa ha sottolineato che formazione ed educazione sono i pilastri essenziali per individuare nuove sensibilità, e che la scuola è il luogo cardine su cui puntare. Claudia Gasparetti, Presidente del Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile della CCIAA di Trento, ha ribadito che intraprendere un percorso di certificazione di parità di genere non ha a che fare con il mero ottenimento di un bollino, ma permette di far crescere le aziende e ne migliora il clima aziendale.

Francesca Gerosa, Lisa Lancorai e Claudia Gasperetti

La disuguaglianza di genere

Sotto la guida di Marcella Loporchio, esperta di Human Power, linguaggio inclusivo e parità di genere, il convegno ha attraversato i diversi aspetti legati al fenomeno. Barbara Poggio, Prorettrice alle politiche di equità e diversità dell’Università di Trento, ha illustrato i dati sconfortanti forniti dal Global Gender Gap Report, secondo i quali ci vorranno 131 anni per arrivare alla parità e 268 per ottenerla dal punto di vista della partecipazione economica; l’Italia si afferma al 104° posto per la partecipazione e le opportunità economiche. Asimmetrie nei carichi di cura e nel lavoro part time, cui le donne spesso accedono per necessità, comportano poi differenziali salariali e pensionistici, specie in provincia di Trento: a volte gli strumenti di conciliazione vita lavoro possono finire per penalizzare le carriere. Un valore su tutti: su 101.000 posizioni lavorative lasciate post-Covid, 99.000 erano ricoperte da donne.

Il percorso di certificazione

Francesca Gerosa, Lisa Lancorai e Claudia Gasperetti

Perché intraprendere il percorso di certificazione? Perché è giusto, per rispettare i vincoli normativi, perché è sostenibile e perché conviene alle imprese. Arianna Piccolotto, Ufficio Innovazione e Sviluppo della Camera di Commercio di Trento ha offerto un’interessante panoramica: sottoposte ad un test autovalutativo sulla sostenibilità dei tre criteri ESG, su 539 imprese solo il 12% ha ottenuto un risultato positivo rispetto alla parità. I risultati positivi però ci sono: il 59% delle imprese ha messo in atti iniziative in questa direzione e quasi la metà delle imprese ha dimostrato un’attenzione verso le tematiche in oggetto.

Per le aziende è importante riuscire a comunicare le iniziative che intraprendono: la UNI/PDR 125:2022 può essere un modo, che rende così più attrattivi i luoghi di lavoro, dato che oggi le persone oggi cercano aziende che abbiano rispondenza ali loro valori. Natascia Masi, Responsabile Certificazione Parità di Genere UNITER, ha illustrato le caratteristiche dell’organismo di certificazione del mondo Confcommercio che ha un aspetto innovativo, perché va direttamente dentro le imprese, facendo sì che diventino protagoniste di questo percorso verso un minore divario di genere. E il meccanismo alle imprese offre diversi vantaggi, tra i quali la riduzione delle fideiussioni per la partecipazione gare pubbliche, lo sgravio dell’1% dei contributi a carico dei dipendenti, un vantaggio premiale nelle gare pubbliche. Inoltre, all’interno di una filiera, la certificazione può creare un circolo virtuoso su clienti e fornitori. Non si pensi che si tratta solo di un percorso per grandi imprese: anzi, sono molte le piccole che finora si sono attivate, specialmente le cooperative sociali.

Il caso di Interlanguage

Il convegno di SEAC Cefor

Infine, un case study: Stefano Gualdi, Managing Director Administration ed HR Interlanguage, ha raccontato ai partecipanti i benefici apportati nella sua azienda dal percorso di certificazione: “Facevamo tante cose nell’ambito della parità ma non sapevamo come comunicarlo. La certificazione permette di comunicare lo sforzo etico che fai in azienda, ed ancora prima di identificare i percorsi per raggiungere un  migliore standard etico. E poi, migliorare significa un profitto in più, grazie anche ad un clima aziendale è molto più positivo: UNI/PdR per noi è stata un volano importante. Vi consiglio di farlo, non solo perché è giusto eticamente, ma perché di fatto fa guadagnare di più”.

Altre News

TV33

TV33. Una nuova avventura per SEAC

È arrivata una bella novità sul territorio del Trentino-Alto Adige. Dal primo febbraio infatti VB33, la storica TV locale altoatesina è diventata emittente regionale cambiando

Eventi-seac-2023

Il nostro 2023

Un anno di eventi, incontri ed emozioni Mentre ci avviciniamo alla fine di quest’anno, è il momento di riguardare tutto ciò che abbiamo vissuto insieme

Condividi

Il primo logo Seac

1969

Viene fondato a Trento S.E.A.C.: Servizio Elaborazioni Associazioni Commercianti con sede in Piazza Silvio Pellico a Trento

1972

Riforma dell'IVA

1974

Atto Costitutivo della SRL

Dichiarazione dei redditi persone fisiche

1975

Dichiarazione dei redditi
società di persone

Dichiarazione dei redditi
società di capitali

1976

1981

Strategic Business Unit Software

Olivetti Audit A5

Olivetti S6000

1982

1985

Strategic Business Unit Editoria CED

Legge Visentini Ter

Reti Novell

1986

1987

Costituzione

Seac Servizi

Super Mini Prime

1989

2002

Strategic Business Unit Formazione

Costituzione Cefor

Strategic Business Unit ICT
Server Farm

2003

Strategic Business Unit Servizi B2B

Costituzione SI Rovigo

2006

2008

Costituzione

Seac Servizi
Assicurativi e SI Rimini

Costituzione BITLife

2012

2015

Costituzione

SI Sardegna

Acquisizione Gruppo CIOL

2018

2019

Strategic Business Unit Knowledge Base

Acquisizione Ixorateam
Scissione parziale e proporzionale di Seac SPA
Cloud

Logo SEAC attuale

2020

Partecipazione HE-Powergreen,
Seac Security Service

Costituzione GlobalBonus e
Seac Consulting

Acquisizione Geacon e Picoware

Partecipazione Be Innova

Costituzione Efficient Building
Seac Building Innova Group

2021

2022

Acquisizione Be Innova
FB Group Advisory

Costituzione 24UP

Partecipazione Delta Informatica

2023